IV - Gli avamposti

 


Per avamposto si intende il pezzo (pedone compreso) più avanzato dello schiermento. Per intenderci meglio, già la prima mossa, se si tratta di una spinta di pedone di due passi, secondo la concezione di Canal (1896 1981), cui qui ci rifacciamo, introduce sulla scacchiera un avamposto. Quando è un pezzo non facilmente scacciabile o è un pedone, l’avamposto diviene il leitmotiv della partita e su di esso si concentrano i pezzi dell'uno e dell'altro schieramento.

a) Il caso del pedone

Nel capitolo precedente abbiamo già avuto modo di constatare l'efficacia del pedone come avamposto; la sua importanza dipende dalla mobilità e dal controllo esercitato sulle case limitrofe. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto:vale la pena soffermarsi un momento sul diagramma che segue:


- la casa e6 è la casa di spinta. Chi si difende deve averne il controllo per evitare pericolose spinte di pedone. Nella casa di spinta un giocatore tenderà a piazzare un pezzo bloccatore mentre l’altro si adopererà a rimuovelo.
- le case d6 e f6 sono case di controllo. Se ne ricorrono le condizioni, possono esservi installati pezzi, in particolare Cavalli.
- le case d5 e f5 sono case di affiancamento. Affiancare un pedone con un secondo pedone ne aumenta la mobilita. Queste case sono spesso sfruttate dagli Alfieri amici, che non trovano intralcio alla loro azione dal pedone e contribuiscono al controllo della casa di spinta.
- infne d4, e4 e f4 sono case di sostegno. Quelle laterali, se occupate da pedoni, sostengono l’avamposto e minacciano di affiancare un secondo pedone al primo, se occupate da Cavalli controllano l'importante casa di spinta; quella centrale (ma più che di casa andrebbe parlato di colonna) è occupata di preferenza dalla Torre che sostiene, specie nel finale, l’avanzata del pedone.

b) Il caso del pezzo.

Un pezzo può essere l'avamposto dell'armata solo se piazzato su casa debole o non controllabile senza causare danni di altro tipo alla propria posizione.
Si consideri questo schema:


 

La struttura di pedoni del Nero non presenta debolezze. In queste condizioni non dovrebbe essere possibile al Bianco creare un pezzo come avamposto oltre la quarta traversa. Invece egli può giocare Cc3 d5 senza temere di essere scacciato perché la spinta del pedone nero da c7 in c6 indebolirebbe il Pd6.
Una bella partita dove un avamposto nero sfrutta una casa debole nel cuore dello schieramento avversario è la seguente: